Raccoglifrutta: caratteristiche e funzionalità dell’attrezzo

È davvero utile e conveniente utilizzare un raccoglifrutta per raccogliere i frutti che abbiamo nel nostro giardino o nel nostro orto. Infatti questo attrezzo ci dà la possibilità di arrivare anche nei punti in cui giungere può essere abbastanza complicato. Alcuni tipi di frutta, infatti, come per esempio le mele, le pesche, le albicocche, le ciliegie, devono essere colti con delicatezza, per evitare fastidiose ammaccature che incidono anche sulla qualità dei prodotti. In questo caso il raccoglifrutta può essere proprio ciò che fa per noi.

raccoglifrutta

Perché usare un raccoglifrutta

Chi ha un piccolo frutteto in giardino o nell’orto sa benissimo che alcune piante si sviluppano in altezza. Nel momento in cui arriva il tempo della raccolta c’è spesso l’esigenza proprio di raggiungere i frutti posizionati in alto. D’altronde non potrebbe essere che così, visto che in molti tipi di coltivazione i frutti più maturi e più buoni sono proprio quelli che si situano più in alto nei rami, perché sono proprio quelli che sono stati più esposti ai raggi del sole.

Per agevolare la raccolta proprio di questi frutti, è molto conveniente utilizzare un raccoglifrutta, per fare tutto senza fatica, per agire in maniera pratica e comoda.

Bestseller No. 1
Bestseller No. 2
Bestseller No. 3
Fiskars Coglifrutta per UP86, UP84 e UP82, Nero/Argento, 29x15.5x7.5 cm
  • Coglifrutta per raccogliere frutta da alberi e arbusti senza danneggiarla, Particolarmente adatta per la raccolta delle mele

Qual è il funzionamento del raccoglifrutta

Il raccoglifrutta si compone di un bastone che in genere è di tipo telescopico e ha integrata una lama. Inoltre è strutturato con un contenitore, che è posto subito sotto la lama. Per farlo funzionare al meglio, si deve posizionare la lama vicino al frutto. In questo modo il frutto viene reciso e può cadere all’interno del cesto.

Di solito si compone di alcune caratteristiche principali che consistono nell’avere un’ampia apertura e delle alette, posizionate in modo che il frutto si possa staccare facilmente dal ramo e possa convergere all’interno del raccoglifrutta.

Le caratteristiche principali

Abbiamo tanti tipi di raccoglifrutta in commercio e possiamo scegliere perciò fra diversi modelli a nostra disposizione. Sarebbe importante scegliere un raccoglifrutta dalle caratteristiche più comode, in modo per esempio da riuscire a regolare secondo le proprie preferenze ed esigenze l’angolazione.

Inoltre il raccoglifrutta dovrebbe possedere, per svolgere in maniera ancora più performante la sua funzione, un attacco a snodo. Se vogliamo renderlo ancora più funzionale, possiamo unirlo anche ad un manico telescopico che può arrivare anche fino a 5 metri di altezza. Di solito questo manico viene fornito insieme al raccoglifrutta come accessorio aggiuntivo opzionale.

I modelli più innovativi sono dotati di lama robusta antiruggine, solitamente realizzata in acciaio inossidabile, per essere resistente e per durare ancora di più nel corso del tempo. Possiedono una caratteristica importante, che è quella della leggerezza, che consente così una migliore comodità nell’utilizzo.

Inoltre è da considerare che sono dotati di cesti imbottiti o di sacchetti in cotone, per trattare i frutti con la massima delicatezza. Per quanto riguarda i raccoglifrutta dotati di sacchetti in cotone, è facile anche la loro manutenzione, perché il sacchetto si può togliere e si può lavare con semplicità. In questo modo sarà sempre pulito e pronto da riutilizzare anche per diverse tipologie di frutta.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x